Manoscritti

Presso la Biblioteca Comunale degli Intronati e l’Archivio di Stato di Siena sono conservati preziosi codici e frammenti di libri liturgici, risalenti ai secoli XI-XII e provenienti dal territorio senese, testimoni di una tradizione ancora poco studiata e ricchissima; queste musiche antiche rimangono tuttora un terreno inesplorato e pressoché sconosciuto.

Biblioteca degli Intronati

Per la Biblioteca sono analizzati e riprodotti i codici:

F.VI.8 dal Collegio della Sapienza (XII s. II m.)

F.VI.9 da San Pietro alle Scale (XII s. II m.)

F.VI.15 originario di Abbadia a Isola, proveniente dal monastero di S. Eugenio (XII s. m.)

I.I.7 dall’Opera della Cattedrale (XII-XIII  in.)

Frammenti derivati da fogli di riuso applicati a Incunaboli: M.IV.3; M.IV.5; M.IV.8; M.IV.10; M.IV.11; M.VI.33; O.III.46.

Archivio di Stato di Siena

Per l’Archivio sono analizzati e riprodotti:

Frammenti sinora conservati nei faldoni Frammenti musicali e in alcuni denominati Frammenti pergamenacei e Frammenti di codici e adesso, grazie al progetto, riuniti e provvisti di segnatura.

Clicca qui per consultare il dizionarietto liturgico, contenente informazioni dettagliate sulle abbreviazioni di generi, libri liturgici e sulla bibliografia utilizzata per la ricerca.

Membranaceo; ff. II, 96, II’; le cc. di guardia iniziali e c. II’, probabilmente proveniente dall’archivio della Sapienza.
Dimensioni: 250×168 mm; specchio di scrittura: 17 [175] 58 x 23 [101] 44 – rr. 23/ll. 23; rr. 48/ll. 12 – 12 righi (c. 40r). Rigatura a secco.

Membranaceo; ff. III, 161, I’; il f. I e la controguardia sono di recupero da un registro seicentesco probabilmente proveniente dall’archivio della Sapienza.
Dimensioni: 230×150 mm; specchio di scrittura: 21/9 [151] 49 x 24 [86] 40; rr. 20/ll. 20

Membranaceo, ff. 141, 273×177 mm.
Impaginazione: 13 [203] 57 x 17/6 [103] 6/45 – rr. 49/ll. 12 – 12 tetr.; rigatura incisa; 49 linee.
Inchiostro bruno per la scrittura, rosso per la riga del Fa e per le rubriche.

Membranaceo425×288, Manoscritto composito  IV, 300, V’; Le cc. I-III, I’-III’ sono cart. di restauro; c. IV, membr. ant.; cc. I’ e II’, membr., di recupero, da un manoscritto liturgico del sec. XIII.

L’Archivio di Stato di Siena conserva frammenti di libri liturgici musicati  la maggior parte dei quali risalente al XII secolo, con alcuni pezzi del XI e tre frammenti di Messale del Xs.

I frammenti conservati presso la Biblioteca Comunale degli Intronati appartengono con molta probabilità a un unico antifonario monastico (specchio 265×250) vergato nella metà del secolo XII.